La piperina è una sostanza contenuta nel pepe nero.
Le sue proprietà sono molte, ma in questo articolo parleremo di chi non deve usare la piperina.
Anche se le controindicazioni sono poche, rispetto ai vantaggi, prestiamogli comunque l’attenzione che meritano e non sottovalutiamole assolutamente.

Bambini e adolescenti

Naturalmente la prima categoria da escludere per l’uso di questa sostanza sono i bambini, e gli adolescenti, dato che è una sostanza stimolante e irritante, meglio stare molto attenti, e non lasciare la piperina in posti in cui loro hanno libero accesso.

Gravidanza e allattamento

Sempre per la stessa ragione, sarebbe meglio evitare di assumere la piperina durante la gravidanza e l’allattamento, non ci sono studi precisi che ne indicano la pericolosità, ma trattandosi della salute del bambino è sempre meglio non rischiare.
Inoltre essendo una sostanza di per se molto amara, o se usiamo il pepe piccante, durante l’allattamento potrebbe cambiare il sapore del latte e renderlo sgradevole al piccolo, che preferirebbe non mangiare.

Terapie farmacologiche

La piperina interagisce negativamente anche con alcuni farmaci, quindi, se state seguendo delle terapie farmacologiche particolari tra cui quella per l’ipertensione, sarebbe meglio chiedere il parere al proprio medico curante o dello specialista prima di iniziare a prendere questa sostanza.
Quindi sopratutto in questo caso evitiamo il fai da te, o le classiche frasi che tanto lo prende la mia amica, ognuno di noi è diverso, e quello che va bene alla nostra amica, potrebbe essere pericoloso per noi.

Emorroidi

Se soffrite di emorroidi, è meglio evitare di assumere la piperina, questa sostanza può peggiorare la situazione in caso siano già presenti, e addirittura nelle persone molto sensibili o predisposte a questo tipo di problema può perfino provocare la malattia.
Quindi nel caso state assumendo la piperina ed è insorto anche il problema delle emorroidi, sarebbe consigliato smettere subito e rivolgersi immediatamente al proprio medico curante per risolvere la situazione.

Disturbi dell’apparato digerente

Dato che la piperina è uno stimolatore della formazione di succhi gastrici, ne è sconsigliato l’uso nei casi di gastrite, reflusso gastroesofageo e ulcera gastrica.
In tutte le patologie legate a problemi di questo tipo bisogna assolutamente evitare di assumere la piperina e limitare anche l’uso del pepe in cucina per evitare di aggravare la situazione.
Trattandosi di una sostanza irritante se avete lo stomaco delicato e siete predisposti per stress o altro a incorrere in questi disturbi evitate assolutamente di assumerla o rischiate di peggiorare la situazione e di incorrere magari in patologie più complesse.

Vie respiratorie

Dato che la piperina è estratta dal pepe nero, tutte le controindicazioni di questa sostanza, valgono anche per la spezia, che se usata in piccole dosi può anche essere d’aiuto, ma se esagerate porta gli stessi disturbi.
Inoltre evitate di toccarvi gli occhi se state maneggiando il pepe, e di annusarlo.
Il classico starnuto infatti è solo una piccolissima conseguenza dei danni che può provocare questa spezia se annusata con insistenza.
Può causare irritazione delle vie respiratorie, e in casi più gravi irritazione e gonfiore della vie respiratorie con insufficienza respiratoria; se soffrite di asma evitate di annusare a lungo il pepe.