L’inquinamento presente nella città ed anche una cattiva alimentazione contribuiscono a rendere i capelli più sporchi, con grande facilità.

Per tale motivo si ricorre a lavaggi frequenti, utilizzando spesso prodotti caratterizzati da sostanze chimiche piuttosto aggressive che risultano essere dannose per la capigliatura.

Curare i capelli senza shampoo è possibile: vi sono infatti numerosi trattamenti alternativi che risultano piuttosto efficaci.

Utilizzare il bicarbonato di sodio

Tra i migliori prodotti per la cura dei capelli, un posto di rilievo è occupato sicuramente dal bicarbonato di sodio, presente sicuramente in ogni abitazione.

Utilizzarlo è molto semplice: basta versare un cucchiaio di bicarbonato in un bicchiere di acqua calda e farlo sciogliere.

Bisogna poi attendere che l’acqua diventi tiepida per poi applicarla sul cuoio capelluto, massaggiando energicamente

. Infine risciacquate con abbondante acqua ed i risultati non tarderanno ad arrivare.

Dopo poche applicazioni infatti i risultati inizieranno ad essere evidenti: il bicarbonato di sodio farà apparire i capelli puliti e luminosi, sgrassandoli a fondo senza mai stressarli.

Aggiungere lo zucchero di canna al balsamo

Per curare i capelli senza shampoo un rimedio è quello di utilizzare il balsamo e lo zucchero di canna.

L’utilizzo è semplicissimo e basterà aggiungere lo zucchero di canna al balsamo e procedere poi normalmente al lavaggio.

Gli effetti benefici sono molteplici in quanto il balsamo tende ad ammorbidire i capelli mentre lo zucchero di canna agisce come lo scrub, pulendo sia i capelli che la cute in modo molto efficace.

Utilizzare l’aceto di mele

Anche l’utilizzo dell’aceto può essere di grande aiuto nel lavare i capelli senza shampoo, per ottenere un risultato perfetto.

L’aceto potrà essere utilizzato come balsamo e quindi andrà applicato dopo il lavaggio.

Occorre riempire un bicchiere di acqua per tre quarti, aggiungendo poi un quarto di aceto di mele.

Lavate i capelli con il bicarbonato di sodio, per ottenere un risultato ancora più evidente, ed applicate infine l’aceto di mele sui capelli. Lasciate agire per alcuni minuti e risciacquate con acqua tiepida.

L’aceto può essere impiegato però non solo balsamo ma anche come shampoo. Basta emulsionare bicarbonato ed aceto per ottenere uno shampoo sano e nutriente che renderà i capelli sani.

Per rilasciare sulla capigliatura un odore gradevole, è possibile aggiungere al composto qualche goccia di olio essenziale dell’aroma che più gradite.

Frullare il cetriolo con il succo di limone

Chi ha il problema dei capelli grassi potrà ricorrere a ingredienti naturali per curarli, anziché utilizzare lo shampoo che il più delle volte tenderà a sporcare ancor più la chioma.

In particolare il cetriolo ed il limone risultano particolarmente adatti allo scopo.

La soluzione consiste nel frullare il cetriolo con il succo di limone per ottenere una crema naturale con cui lavare poi i capelli. Le molteplici proprietà sgrassanti contenute da questi frutti vi aiuteranno a contrastare il problema dei capelli grassi: i risultati sono garantiti.

disclaimer

------------------------

Le informazioni presenti su Rimedieconsigli.com sono da intendersi a carattere puramente informativo/consultativo. Non consigliamo assolutamente di mettere in pratica i consigli se non prima di aver consultato un medico o uno specialista.

Gli articoli inseriti non sono scritti da medici o nutrizionisti ma da scrittori professionisti che operano sul web e che scrivono ogni articolo solo dopo una profonda ed accurata ricerca su fonti autorevoli.

rimedieconsigli.com non si assume nessuna responsabilità sull’utilizzo delle informazioni presenti sul sito. Si consiglia in ogni caso di parlare con un medico o con un professionista del settore che possa dare un parere scientifico e valutare con metodo la tua situazione.

Questo sito nasce solo dalla passione e la voglia di condividere questo tipo di informazioni, inoltre sui prodotti che vengono consigliati, il gestore di rimedieconsigli.com prende una piccola percentuale sul venduto, tale percentuale serve per mantenere il sito in vita.

SHARE