La medicina ayurvedica è una “scienza” indiana che mette in relazione il corpo umano con la mente e lo spirito, poichèi fattori psicologici sono altrettanto importandi di quelli fisici.

I sistemi di prevenzione di questa medicina, hanno lo scopo primario di migliorare ed allungare le aspettative di vita, in perfetta sintonia con il mondo e la natura circostanti.

In senso letterale, “ayurveda” vuol dire conoscere la vita e l’essere umano è parte integrante della natura, costantemente sottooposto ed influenzato dalle sue leggi; pertanto, una giusta connessione tra l’ambiente e l’uomo dona salute e guarigione.

I rimesi ayurvedici sono di tipo animale e vegetale e ben si sposano con stili comportamentali sani, meditazione e yoga.

Lo scopo

Obiettivo principale della medicina ayurvedica è in primis, quello di prevenire le malattie, curare e mantenere la salute e allungare le attese di vita di un individuo.

Con la palpazione del polso, il medico ayurvedico compie una serie di valutazioni atte a determinare lo squilibrio di un soggetto, prima ancora che possano insorgere dei disturbi.

Questa analisi preventiva permette di definire le abitudini alimentari e ristabilire l’equilibrio psicofisico del soggetto.

I rimedi auyrvedici avvengono attraverso particolari tecniche di rilassamento e respirazione che contribuiscono a riottenere la pace interiore e ritornare in perfetta salute.

A chi è utile?

La medicina auyrvedica è consigliata a tutti i pazienti a patto che non siano affetti da determinate patologie che rendono impossibile l’intervento.

Basti pensare alle donne in gravidanza, pazienti con disturbi cardiaci, con febbre o vene varicose.

I trattamenti sono efficaci in persone che soffrono di asma, psoriasi, disturbi gastrointestinali non gravi. Recenti studi, hanno dimostrato che la medicina ayurvedica è particolarmente indicata per la lotta ad alcuni tipi di tumore.

Modus operandi


Si parte da un approccio olistico volto ad individuare principalmente le cause del disturbo.

Secondo lo schema ayurvedico, in ogni individuo sussistono tre tipi di energia vitale detti “dosha“, variabili nel tempo.

I loro cambiamenti vanno assecondati e monitorati.

I nomi specifici dei tre dosha sono:

“vata, pitta e khapa” ed individuano, rispettivamente, il movimento del corpo, il metabilismo e la coesione tra corpo e spirito. Fatta l’analisi preventiva delle energie, si individuano le disfunzioni e gli squilibri.

Il dosha si individua mediante un test, fondamentale per definire il profilo individuale, le catatteristiche fisico-mentali utili per il trattamento.

Il primo passo è la meditazione e la terapia fisica attraverso la tecnica dell’oleazione.

Seguono il massaggio, una corretta e ben definita alimentazione e lo yoga.

Snehana

La terapia olistica, atta a lubrificare il corpo ed i capelli, dona tranquillità e rilassamento totale.

Gli oli utilizzati utilizzano le proprietà delle erbe “disciolte” che favoriscono la fuoriuscita delle tossine pericolose come le lipofile che alterano le funzionalità dei tessuti.

Durante il trattamento viene riattivata la circolazione venosa e linfatica.

Il Massaggio

Detto anche “massaggio dell’anima“, mette in connessione corpo e mente, per una sensazione duratura di benessere.

Sfiorando il corpo, si agisce sulle fluttuazioni per donare pace ed equilibrio, migliorando l’elasticità corporea e sciogliendo le tensioni nervose. Con esso si entra in contatto con la parte più interiore di noi stessi.

L’alimentazione

Per ognuna delle tre costituzioni dosha, Khapa, pitta, vata, c’è un particolare tipo di alimentazione.

Equilibrando e dosando correttamente gli alimenti è possibile raggiungere i risultati prefissati.

Ad esempio, i dolci stimolano l’umore, il salato accresce l’appetito e l’amaro purifica.

Lo yoga

Le posizioni yoga sono necessarie per il benessere individuale. Una volta individuati i centri chakra, dispensatori di energia, si inizia con la stimolazione.

L’auyrveda ne ha individuati sette principali, posizionati lungo la colonna vertebrale ed altri detti marna.

Ad essi corrispondono gli organi e sono in perfetta connessione tra loro.

Con lo yoga è dunque possibile, ristabilire la pace interiore e controllare le energie
Combinando poi, Yoga e Ayurveda, si può mettere nella giusta sintonia i chakra con la mente ed ottenerne i giusti benefici.

Prodotti ayurvedici

Essi sfruttano al meglio le proprietà delle piante e delle erbe officinali, nonchè profumi e suoni della natura in un miscuglio di sensazioniuniche ed indescrivibili, che fin da subito giovano all’organismo, rilassandone corpo e mente.

E, grazie ai benefici apportati, la medicina ayurvedica è definita come valida medicinaalternativa ed in molti stati ne è perfino riconosciuta la pratica da parte di medici qualificati.

SHARE