Con la dieta paleolitica c’è un forte ritorno al passato, quando il cibo non era trattato e soprattutto, non coltivato.

L’alimentazione paleolitica aveva un determinata componente proteica che è superiore a quella che viene consigliata attualmente.

Il cibo che veniva assunto dall’uomo preistorico era a base di selvaggina priva di grassi ed ogni alimento aveva un elevato contenuto di omega-3 che oggi è quasi inesistente nelle carni degli animali d’allevamento, che vengono nutriti a mangime.

Per ciò che concerne i carboidrati, l’uomo paleolitico li assumeva attraverso il consumo di frutta e verdura che, a differenza della pasta e del pane, rilasciano una minore quantità di insulina con una minore sintesi dei grassi.

Da questi alimenti il paleolitico traeva la giusta dose di energia e la stabilizzazione dell’acido base dell’organismo, diversamente dall’uomo moderno che, con i carboidrati ad alto indice glicemico, soffre spesso di concentrazione di glucosio nel sangue.

Cos'è la dieta paleolitica? 1

Cosa mangiare nella dieta paleolitica

Per un’alimentazione paleolitica perfetta occorre effettuare, in primis, dei pasti piccoli e più ravvicinati del solito in maniera tale da ridurre la stimolazione insulinica che avviene con i pasti troppo abbondanti.

La carne rossa o bianca può essere gustata nella dieta paleolitica anche se è necessario sottolineare, che non ci sono più gli animali che pascolavano liberi e si nutrivano di ciò che la natura offriva.

Gli allevamenti odierni hanno dei capi di bestiame che si alimentano con mangime con dentro i cereali e ciò fa perdere molti valori nutrizionali alla carne.

Chi segue la dieta paleolitica deve prestare attenzione a dissociare gli alimenti evitando la pasta ed i cereali e tutto ciò che deriva da essi.

In questo modo si evita di mischiare le proteine diverse e l’organismo riesce ad assimilare meglio ogni elemento.

E’ importante anche fare dell’attività fisica perché non dimentichiamo che l’uomo paleolitico si muoveva tantissimo per andare alla ricerca del cibo con cui nutrirsi e durante la caccia, mentre oggi ci si reca in un supermarket e troviamo tutto pronto.

Un esempio di dieta paleolitica

La paleo dieta bandisce dalla tavola tutti quei cibi che fanno parte del I, II e IV gruppo cioè carboidrati e calcio.

La dieta paleolitica vera non impone nessuna progettazione ma consente di mangiare ogni qualvolta si avverte lo stimolo della fame, a patto che vengano consumati solo alimenti ‘paleo’ come le verdure, la selvaggina, il pesce, i frutti, i molluschi ed i crostacei.

La dieta paleolitica suggerisce di mangiare le frattaglie al posto della carne perché fegato, polmoni o milza sono migliori rispetto al tessuto muscolare.

Cos'è la dieta paleolitica? 2Gli alimenti in questo regime alimentare sono decisamente tutti gli integratori alimentari, i cereali, il latte e i suoi derivati, gli zuccheri raffinati, le bevande dolci, i cibi lavorati e i grassi da condimento.

Con una dieta di questo tipo si ottengono benefici salutari indiscussi, oltre naturalmente, ad un calo del peso corporeo.

Innanzitutto si stabilizza la glicemia e migliora il riposo notturno.

Il sistema immunitario si rafforza e si avverte meno sensibilità alle infiammazioni.

L’energia che si acquista è ineccepibile così come la vitalità e di conseguenza, una maggiore libido.

La pelle migliora ed assume un aspetto pulito e privo di impurità mentre la flora intestinale diventa assai più sana.

Cibi ammessi in casi eccezionali

In una paleo dieta sono ammessi occasionalmente piccole quantità di burro purché provenienti da allevamenti naturali, mentre sono banditi tutti gli altri latticini.

Il riso non è un alimento paleolitico ma nei casi di prolungata attività fisica, sono consentiti piccoli pasti a base di riso per velocizzare il recupero.

La dieta può essere integrata con l’assunzione di vitamina D, di omega-3 e di magnesio.

Tra gli infiniti pro che la dieta paleo offre, vi è il forte senso di sazietà perché proteine e fibre riempiono lo stomaco e non vi sono controindicazioni specifiche che possono indurre a preoccuparsi.

Le opinioni di chi segue la dieta paleolitica

Le opinioni di chi segue la dieta paleolitica sono sempre positive poiché si tratta di un’alimentazione sana, che fa perdere il peso in eccesso e, nel contempo, aiuta a stare bene in salute.

Molte persone che prima accusavano malesseri giornalieri come il mal di gola, l’intestino irritato o patologie del sistema immunitario, si ritengono più che soddisfatte da questo stile di vita ed hanno riacquistato salute e forma tanto da guadagnarne sull’aspetto fisico e sul benessere salutare.