La dieta Carb Lover’s ha un nome che è tutto un programma: com’è facile evincere, infatti, si tratta della dieta ideale per gli amanti dei carboidrati, quelli che proprio non riescono a rinunciare alla pasta e al pane, anche se notoriamente si tratta dei primi alimenti il cui apporto viene nettamente ridimensionato quando si è a dieta o comunque di intende seguire un regime alimentare ipocalorico finalizzato alla perdita di peso.

La dieta Carb Lover’s limita le rinunce nell’ambito dei carboidrati, ma nonostante ciò consente a chi la segue di perdere fino a un chilo a settimana.

Una tabella di marcia tutto sommato sostenuta, che permette di perdere anche parecchi chili in pochi mesi e che si fonda su un elenco ben preciso di alimenti ricci di amido resistente.

Nata negli Stati Uniti ed elaborata da Ellen Kunes e Frances Largeman-Roth, autori della famosa rivista Health, la dieta Carb Lover’s sfata una volta per tutte il mito che i carboidrati facciano ingrassare a prescindere, dunque siano da demonizzare ed eliminare quasi completamente dalla propria alimentazione (una convinzione, questa, che tra l’altro è alla base delle dieta proteiche più famose, come per esempio la celebre Dukan, che addirittura nelle prime due fasi elimina totalmente i carboidrati).

A dimostrare la validità della dieta Carb Lover’s, c’è anche un’indagine condotta di recente dall’illustre U.S. News World Report, che si è occupato di individuare le diete migliori al mondo sia per i risultati – ovvero i chili realmente persi da chi le ha seguite – sia per l’impatto sul benessere e sulla salute generale dell’organismo.

In questa speciale classifica, la dieta Carb Lover’s si è classificata addirittura sul podio, al terzo posto.

Questa dieta consiste in un regime alimentare che si basa molto sulle calorie assunte.

Durante la prima settimana, l’apporto calorico è fissato a 1200 calorie e consente di perdere all’incirca 2,5 chili.

Si tratta dunque di un risultato importante e immediato che motiva i pazienti, spingendoli ad andare avanti.

La seconda settimana è già più semplice, poiché si entra nella nuova fase che dura all’incirca 21 giorni e che prevede l’introduzione di 1600 calorie al giorno.

Ben quattrocento calorie in più che fanno la differenza sia in termini di fame percepita che di appagamento, soprattutto dopo una prima settimana tutto sommato rigida.

In questa seconda fase si perde circa un chilo a settimana, per un totale di 5,5 chili solo nel primo mese.

La dieta Carb Lover’s si basa sui carboidrati perché questi, secondo Kunes e Largeman-Roth, fanno dimagrire per due motivi ben precisi: in primis, perché stimolano la sensazione di sazietà, cosa che invece gli alimenti proteici non fanno; in secondo luogo perché stimolano il metabolismo, velocizzandolo.

Questo permette di ridurre considerevolmente i livelli di colesterolo e trigliceridi nel sangue, al contrario delle diete iper-proteiche.

Secondo chi ha ideato la dieta Carb Lover’s, ad aiutare a dimagrire sono i carboidrati a elevato contenuto di amido resistente, i quali, resistendo al processo digestivo, non vengono assimilati dall’organismo, che dunque li espelle senza acquisire calorie.

Non bisogna poi sottovalutare il potere saziante di questi cibi, perché alla base degli sgarri alimentari durante le dieta c’è quasi sempre la fame che tormenta chi le segue.

La dieta Carb Lover’s si distingue nettamente dalle altre diete anche perché è molto semplice.

Le regole da seguire sono poche ma inderogabili: il paziente ha a disposizione una tabella di cibi consentiti tra i quali scegliere uno per ogni pasto (i pasti sono quattro nell’arco della giornata).

La lista in questione contiene solo alimenti a elevato contenuto di amido resistente, che cioè riescono a transitare nell’organismo senza venire assimilati.

Bisogna prestare particolare attenzione a che i cibi presenti nella lista costituiscano solo il 25 di ogni pasto.

Il restante 75%, infatti, prevede tutti gli altri nutrienti che servono all’organismo e che sono contenuti all’interno di cibi come carni bianche, pesce, frutta e verdura.

Nella dieta Carb Lover’s non mancano neanche i grassi, considerati anch’essi fondamentali all’interno di un regime dietetico bilanciato.

Determinante ai fini del benessere dell’organismo è bere molta acqua, almeno un litro e mezzo al giorno; l’acqua aiuta a espellere le tossine e contrasta attivamente la ritenzione idrica e il gonfiore.

La dieta Carb Lover’s è particolarmente indicata a chi non riesce a fare a meno dei carboidrati e non ha particolari controindicazioni.

Al contrario, dal momento che garantisce un apporto più che sufficiente di vitamine, sali minerali e proteine, può essere considerata, più che una dieta temporanea, un vero e proprio regime alimentare valido anche nel lungo periodo.

SHARE