Che cos’è la diarrea

La diarrea è un sintomo fastidioso caratterizzato da un’evacuazione estremamente liquida, spesso accompagnata da crampi e mal di stomaco. Non è un episodio isolato ma continuo per più volte nell’arco della giornata.

Le cause sono diverse: dalle infezioni intestinali a un periodo particolarmente stressante fino all’ingerimento di cibi avariati o aggressivi.

Il primo pericolo che si incontra è la disidratazione, spesso accompagnata da una deficit di sali minerali. Come rimediare? Reidratando quanto perso ma in maniera graduale. Bere un bicchierone d’acqua (con limone è ancor meglio) è un vero e proprio pugno nello stomaco che comporta una rapida dilatazione dell’intestino con conseguente perdita di quanto ingerito.

Meglio, quindi, bere piccoli sorsi frequentemente in modo da permettere un’assimilazione.

vietato bere alcoliciVietato bere bevande disidratanti, come l’alcool, o irritanti per l’intestino, come caffè e tè. Per ottemperare ai deficit causati dalla diarrea è bene assumere degli integratori vitaminici dopo ogni evacuazione per reintegrare i sali minerali perduti.

Cosa evitare e cosa mangiare

A dispetto dei luoghi comuni, la dieta contro la diarrea è ricca e variegata.
Praticamente è possibile mangiare tutto: dal pane bianco alla pasta 00, da carne magra al pesce, dalle verdure cotte alla frutta leggera e fresca.

Come metodo di cottura sono sconsigliati quelli troppo grassi o pesanti come le fritture ed evitare salse, creme, cibi fermentati, cioccolato, piatti elaborati, frutta fresca o troppo zuccherati.

Durante la diarrea l’intestino è irritato e sensibile alla consistenza del cibo, ecco perché bisogna prediligere cotture delicate, condite con un solo filo di olio extravergine di oliva.
Bisogna invece evitare tutti gli alimenti con tante fibre come prodotti integrali, mollica di pane (anche se bianco), tutti gli ortaggi e le verdure crude.

Basta seguire la dieta o bisogna unire farmaci

Di regola basta la dieta per ripristinare la normale funzionalità intestinale ma a volte possono esserci dei fattori scatenanti molto complessi come nel caso delle infezioni intestinali che portano molte persone ad assumere antibiotici per debellare in maniera seria e veloce il pericolo microbico.

Ciò è sbagliato perché l’antibiotico eliminano tutti i batteri presenti nell’intestino, anche quelli facenti parte della normale flora microbica. Il risultato è un intestino scombussolato, stressato e privo della sua normale protezione. Quindi sì agli antibiotici ma solo quando la situazione è molto grave e solo sotto prescrizione medica.

Cosa dire degli antidiarroici? Questi farmaci vanno ad attenuare gradualmente le evacuazioni e molti pensano comporti la guarigione. Anche questo è sbagliato dato che gli antidiarroici vanno semplicemente ad attenuare quello che è il sintomo principale lasciando però l’intestino irritato e “malato”.

Andando ad agire sulla motilità intestinale provocano anche un rallentamento nell’eliminazione dei fattori eziologici e di conseguenza ritardano la guarigione.

Alla luce di tutto questo risulta chiaro che l’assunzione di una dieta mirata e bilanciata è la scelta migliore per allontanare lo spettro della diarrea e le sue cause.