La migliore crema per tatuaggi

Nel corso degli anni il tatuaggio è diventato una vera e propria forma artistica, che aiuta ad esprimere se stessi, attraverso l’incisione permanentemente sul proprio corpo di un’immagine, di un simbolo o di una scritta che rappresenti la propria storia o che rispecchi a pieno la propria personalità. 

La migliore crema per tatuaggi 1

Vedi sul sito ufficiale

Tipologie di tatuaggio

Attualmente esistono diverse tipologie di tatuaggio che si differenziano per la tecnica con la quale vengono eseguiti, per la loro durata nel corso del tempo e, di conseguenza, per il prezzo. 

Tatuaggi all’henne:

consistono in disegni semipermanenti con durata che varia dai dieci ai trenta giorni, in base al tempo di posa e all’impasto utilizzato. Questi tatuaggi sono dei veri e propri disegni cutanei che vengono eseguiti sulla superficie più esterna dell’epidermide e che non richiedono l’utilizzo di aghi o altri strumenti per perforare la pelle: il semplice utilizzo di una mistura composta principalmente dall’henne, pianta tintoria, riulterà sufficiente a creare un vero e proprio tatuaggio sul proprio corpo. Questa pratica ha un prezzo variabile in base alla quantità e alla qualità degli ingredienti utilizzati, ma si aggira attorno ai quindici euro circa. 

Tatuaggi solari:

questo tatuaggio a costo zero sfrutta la capacità naturale di pigmentazione della pelle attraverso l’esposizione solare prolungata. Basterà coprire i bordi del disegno che si vorrà realizzare ed esporre il resto della pelle al sole. Tuttavia questa tecnica potrebbe risultare molto pericolosa, in quanto per ottenere un effetto immediato ci si potrebbe sottoporre al rischio di scottature non proteggendo adeguatamente la pelle dai raggi solari: questo potrebbe comportare l’insorgenza di tumori della pelle, come il melanoma, potenzialmente letale. La durata di un tatuaggio solare è equivalente a quella della classica abbronzatura.

Tatuaggio permanente:

questa è la tipologia di tatuaggio più richiesta ed impiegata. Essa prevede la perforazione della pelle tramite un ago e l’immissione del pigmento nello strato cutaneo sottostante all’epidermide, che prende il nome di derma: le cellule del derma risultano molto più compatte e ravvicinate rispetto a quelle dell’epidermide e, per questo motivo, l’immissione di inchiostro direttamente in questa zona farà in modo che il pigmento rimanga fermo esattamente nel punto in cui è stato inserito. Inoltre il derma, protetto superiormente dall’epidermide, risulta molto meno soggetto ad eventuali traumi della pelle come lo shock termico, lo stress osmotico ed eventuali scottature: per questo il pigmento del tatuaggio risulterà molto più al sicuro e meno propenso a potersi rovinare. Il costo di un tatuaggio permanente può essere molto elevato e varia in base ai colori impiegati e alla grandezza del disegno. 

Risposta biologica ad un tatuaggio permanente

Quando ci si sottopone ad una tecnica di tatuazione permanente, il tatuatore utilizzerà uno specifica macchinetta collegata ad un ago di varie dimensioni, in base al tratto che si desidera ottenere. 

A livello biologico, una pratica di questo tipo, genera molteplici risposte cellulari:

Risposta cicatriziale: le piastrine, frammenti cellulari deputati alla coagulazione sanguigna, tenteranno in ogni modo di arginare le piccole ferite cutanee create dall’ago e questo potrebbe causare la formazione di crosticine che andranno a ricoprire l’intera superficie del tatuaggio, una volta terminato. 

Risposta immunitaria: l’inchiostro immesso a livello dermico provoca una conseguente e quasi immediata risposta immunitaria, in quanto le vie della segnalazione cellulare porteranno cellule specializzate a riconoscere le particelle di inchiostro come corpi estranei potenzialmente dannosi. Questo genera una risposta immunitaria di tipo infiammatorio e la zona coinvolta risulterà immediatamente arrossata, gonfia e dolente. 

Entrambe queste risposte biologiche potrebbero in qualche modo degenerare in condizioni più gravi per il nostro organismo, provocando l’insorgenza di infezioni cutanee, con conseguente formazione di pus e vescicole d’acqua: questo accade principalmente per la volontà del nostro corpo di rigettare il pigmento estraneo e rigenerare l’integrità del derma. 

La migliore crema per tatuaggi 1

Vedi sul sito ufficiale

Manutenzione di un tatuaggio permanente

Tuttavia anche nel caso in cui non dovesse presentarsi una vera e propria infezione, sia la risposta cicatriziale che quella immunitaria potrebbero provocare una notevole dispersione di pigmento, che potrebbe migrare dal derma all’epidermide attraverso gemmazioni ed esocitosi cellulari e di conseguenza rovinare e deturpare la forma e il colore del tatuaggio. 

Visti i costi elevati di questa pratica e i suoi risvolti potenzialmente pericolosi per la salute della nostra pelle, è bene fornire al proprio tatuaggio tutte le cure e le attenzioni necessarie per far in modo che la pelle possa guarire senza provocare danni di alcun genere. 

Per questo motivo, sarà compito del tatuatore disinteffare accuratamente la zona dopo aver terminato il tatuaggio e applicare sulla superficie della pelle una pomata lenitiva che possa ridurre il gonfiore e l’arrossamento dato dall’infiammazione: dopodichè la zona interessata verrà ricoperta da una pellicola, in modo da rimanere protetta da urti e sfregamenti con i vestiti. 

Trascorso un massimo di quarantotto ore, bisognerà medicare il tatuaggio con una certa regolarità, ricoprendone la superficie con una crema idratante, in modo che le croste cicatriziali non si secchino prematuramente trascinando con sè il pigmento del tatuaggio. 

E’ bene non esporre la parte di pelle interessata al sole o a fonti di calore eccessive: questo genererebbe un’ulteriore trauma alle cute e potrebbe indurre la morte cellulare con conseguente desquamazione degli strati superficiali della pelle. 

Inoltre è estremamente importante lasciare che le croste cadano spontaneamente, senza intervenire in nessun modo, anche se dovessero apparire completamente secche e sul punto di cadere: togliere le croste manualmente potrebbe danneggiare il tatuaggio.

Velvet Tattoo: la miglior crema per la protezione del tuo tattuaggio

Per ridurre drasticamente le possibilità che si verifichino reazioni avverse è necessario trattare la pelle con pomate specifiche che possano lenire e allo stesso tempo idratare il tatuaggio: in questo modo le forme del disegno rimarranno ben definite e il colore sempre brillante e lucente come appena usciti dallo studio. 

Luxury Velvet Tattoo è una crema specifica per la cura del proprio tatuaggio: questa pomata aiuterà a proteggere la pelle interessata dall’azione dannosa dei raggi ultravioletti o da fonti di calore eccessivamente forti e contribuisce a nutrire, idratare e lenire l’epidermide, in modo che il tatuaggio rimanga perfettamente brillante e illeso durante la guarigione della pelle. 

Questa crema è composta esclusivamente da ingredienti naturali, e questo è fondamentale per la cura del proprio tatuaggio, in quanto pomate con ingredienti sintetici o troppo aggressivi potrebbero irritare ulteriormente la pelle, ostacolando il processo di rimarginazione dell’epidermide. 

Grazie alle sue forti proprietà idratanti e lenitive, per medicare la zona basta applicare una piccola quantità di prodotto e massaggiarlo fino al completo assorbimento: bisognerà applicarla con regolarità fino a completa guarigione della zona interessata, impiegandola almeno una volta al giorno, fino alla scomparsa delle croste e del gonfiore. 

Luxury Velvet Tattoo ingredienti

Gli ingredienti di questa pomata per tatuaggi sono completamente naturali, lavorati ed estratti a mano senza l’impiego di strumenti artificiali di raffinatura e lavorazione.

Olio di Argan: uno degli ingredienti più importanti di Velvet Tattoo è l’olio di Argan, un particolare estratto dell’Argania spinosa, una pianta del sud del Marocco. Quest’olio possiede eccellenti proprietà idratanti e nutrienti e viene impiegato come strumento medicale per facilitare la guarigione di porzioni di pelle soggette a traumi, come ustioni ed escoriazioni. 

Burro di Karitè: questo ingrediente naturale proviene dall’Africa occidentale e non è altro che il grasso naturale prodotto dalle mandorle bianche degli alberi di karitè. Esso possiede numerosissime proprietà e viene impiegato nei prodotti cosmetici proprio per conferire lucentezza alla pelle: grazie a questo ingrediente, Velvet Tattoo impedirà che il tatuaggio possa sbiadirsi o opacizzarsi. 

Aloe vera: questa pianta è coltivata principalmente in regioni caratterizzate da climi caldi e secchi che posseggano un basso tasso di umidità. Questo ingrediente possiede molteplici benefici e in particolar modo aiuta nei processi di cicatrizzazione e a regolare la risposta immunitaria: sarà molto utile a velocizzare la formazione delle croste, in modo che la pelle possa guarire più velocemente, riducendo le possibilità che il tatuaggio possa rovinarsi.

La migliore crema per tatuaggi 1

Vedi sul sito ufficiale