Gli sbalzi di temperatura possono favorire l’insorgere di un mal di gola forte.

Oltre a ciò contribuiscono a mettere a repentaglio la salute della nostra faringe anche virus e batteri di stagione.

Non sempre tale infiammazione viene associata a raffreddore ed influenza e a volte compare indipendentemente da patologie secondarie.

Come fare quando la gola brucia e si inizia a far fatica perfino a deglutire?

Ci sono numerosi rimedi davvero molto efficaci e soluzioni utili sia per chi vuole affidarsi ai farmaci, sia per chi, invece, preferisce i metodi naturali.

I rimedi della nonna sono all’ordine del giorno anche se molti sembrano alquanto stravaganti.

Mal di gola forte: rimedi naturali 

Oltre al solito miele corrono in aiuto elemnti naturali quli: lo zenzero, l’aceto di mele, la santoreggia, la cannella, il limone, la liquirizia, l’olio essenziale di eucalipto, il fieno greco, la salvia, la maggiorana, la Propoli, l’echinacea, lo sciroppo al pino mugo e perfino le cipolle.

Mangiando, fin dai primi sintomi, un pezzetto di zenzero fresco o di zenzero candito, ad esempio, si può combattere il mal di gola forte ed evitare che la situazione peggiori.

La salvia, invece, ha proprietà battericide.

Con le foglie essiccate di questa pianta aromatica molto utilizzata in cucina, si può preparare un ottimo infuso da bere caldo un paio di volte al giorno o da usare freddo per i gargarismi.

Fra i rimedi usati fin dall’antichità non si può non prendere in considerazione il fieno greco, pianta officinale per eccellenza.

Molti storceranno il naso, ma le sue proprietà antisettiche e antinfiammatorie lo rendono adatto per preparare un ottimo decotto con 250 millilitri d’acqua e 12 grammi di fieno.

Se quest’ultimo, però, serve soprattutto per i gargarismi, a correre in nostro aiuto, con una doppia valenza arriva addirittura la maggiorana.

Poche gocce del suo olio essenziale possono venir usate per i classici suffumigi.

Le foglie essiccate, così come accade per la salvia, vengono utilizzate per un infuso con il quale si possono fare gargarismi curativi.

Fra i rimedi della nonna si annovera il classico bastoncino di liquerizia da masticare per aiutare la gola a disinfiammarsi e alleviare così il dolore.

Insomma con qualsiasi degli ingredienti sopra citati si possono preparare decotti e tisane da bere, effettuare gargarismi o suffumigi.

Alcuni ingredienti naturali possono essere assunti sottoforma di caramelle, come il miele.

Altri, come la propoli, si spruzzano in gola iper non lasciar scampo ai batteri.

Le cipolle?

Giusto se non dobbiamo più baciare nessuno, anche se sarebbe da incoscenti rischiare di passare i batteri alle persone che amiano, possiamo affidarci anche a cipolle ed aglio.

Entrambi hanno proprietà antibiotiche e antinfiammatorie ed essere impiegati per la creazione di tisane da bere due volte al giorno con l’aggiunta di un po’ di zucchero.

L’impacco di ricotta, infine, è il rimedio più stravagante.

C’è ci consiglia di prendere 100 grammi di ricotta, schiacciarla, avvoglerla nella carta per alimenti ed infine nella garza.

Il pacchetto ottenuto deve essere legato al collo con una siarpa di lana e tenuto sulla gola per una notte intera.

Mal di gola forte: quando chiamare il medico 

Se il mal di gola forte persiste nel tempo è invece consigliabile recarsi dal proprio medico di base per tutti gli accertamenti del caso o per la prescrizione di farmaci.

Sarà il professionista ad indicare gli antibiotici a base, ad esempio, di amoxicillina o i sussidi terapeutici a base di paracetamolo o ibuprofene più adatti.

E’ caldamente sconsigliata l’assunzione autonoma di antibiotici o altre medicine in quanto, senza sapere cosa si sta facendo, si rischia di incappare in controindicazioni e causare altri problemi piuttosto che curare il mal di gola.

SHARE