La forfora rappresenta il più anti-estetico dei problemi che possono colpire il cuoio capelluto, una persona su du generalmente ne è affetta, il disturbo che arreca, non riguarda esclusivamente l’ambito estetico, ma può causare infatti bruciore e prurito che possono disturbare la normale attività quotidiana.

Eliminare la forfora non sempre si dimostra molto semplice, e spesso i tanto pubblicizzati shampoo e rimedi commerciali presentati in tv e nelle pubblicità si dimostrano inefficaci, poiché le sostanze attive funzionali alla risoluzione dl problema sono contenute in quantità davvero minime.

Esistono però numerosi rimedi naturali che riescono ad attenuare e col tempo far sparire la forfora; vediamone alcune.

Rimedi naturali per contrastare la forfora

I rimedi contro la forfora spesso si dimostrano molto più utili e funzionali rispetto a tanti altri trattamenti professionali venduti da noti brand cosmetici a prezzi esorbitanti. L’unica regola generale che bisogna tenere a mente, è che per vedere i risultati sono necessarie pazienza e costanza, ripetere il trattamento nel tempo consentirà di risolvere il problema senza alcuna controindicazioni.

Uno degli ingredienti più funzionali e adatti a risolvere il problema della forfora è l’aceto di vino bianco, oppure nei casi in cui la cute sia più sensibile l’aceto di mele, dall’azione più delicata.

L’aceto ha proprietà anti settiche e anti batteriche che permettono di disintossicare e detossinare il cuoio capelluto, eliminando la tanto odiata forfora.

Per utilizzarlo basta diluirne poche gocce in un pò di acqua tiepida e massaggiarlo nel cuoio capelluto prima dello shampoo o se si ha più tempo a disposizione lasciarlo agire qualche ora o tutta la notte, e proseguire con la normale detersione e routine.

In poco tempo tutti coloro che hanno provato questo rimedio hanno visto i primi risultati, inoltre le sensazioni di bruciore e prurito spariscono fin dalla prima applicazione.

Un’altro rimedio molto valido, ma più leggero per liberarsi in modo naturale della forfora è utilizzare un impacco con 2 cucchiai di olio extravergine di oliva, 2 cucchiai di succo di limone e un pò d’acqua, da distribuire uniformemente sul cuoio capelluto; lasciandolo in posa le proprietà anti batteriche del limone elimineranno i batteri responsabili della forfora, e l’azione nutriente dell’olio d’oliva andrà a lenire il bruciore e il prurito.

Ripetere questo trattamento 2 volte al mese, consentirà di avere un cuoio capelluto in salute, liberandosi definitivamente dalla forfora.

I rimedi naturali per combattere la forfora sono molti, tra le sostanze più funzionali ci sono l’aloe, che se applicata sul cuoio capelluto ha azione istantanea sul bruciore e il prurito, cosi’ come l’olio essenziale di tea tree, molto valido anch’esso.

Infine un ottimo rimedio è utilizzare l’argilla ventilata, valida sia come maschera purificante sul viso che sul cuoio capelluto come impacco anti-forfora, mischiandola con miele, limone ma anche gel d’aloe per un’azione più forte. Molto valido anche l’infuso di ortica, che rinforza anche il fusto del capello.

I trattamenti tricologici più validi

Se non si ha la pazienza oppure il tempo per provare i vari rimedi naturali e utilizzarli con costanza, sono molto validi e funzionali anche ei trattamenti tricologici forniti dai vari istituti di bellezza, che permettono in poco tempo e con poche applicazioni di risolvere definitivamente il problema, contrastando l’infiammazzione batterica che causa la forfora, e apportando rimedi anche alla salute generale dei capelli.

I trattamenti tricologici sono preceduti da una visita preventiva per verificare le condizioni del soggetto che soffre di forfora, dermatite seborroica, per indirizzarlo verso il trattamento migliore, questi possono essere effettuati in varie sedute, effettuate da esperti con cadenza settimanale, per 2-3 mesi, fino alla completa eliminazione del problema.

SHARE

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here