Perdere peso a inizio gravidanza è il desiderio nascosto di molte donne che si portano dietro qualche chilo in più e vogliono evitare che questi si moltiplichino poi durante i nove mesi, diventando così quasi impossibili da perdere nei primi mesi successivi al parto, i più duri sia dal punto di vista psicologico che dal punto di vista fisico.


Sono in gravidanza, come posso perdere peso? 1Perdere peso a inizio gravidanza è dunque la scelta più saggia
, a patto però di farlo nella maniera giusta.

Tanto per cominciare, tutti i medici sconsigliano di seguire una dieta quando si è incinte; tanto più se queste diete sono rigide oppure, come accade spesso nelle diete più in voga negli ultimi anni, se prevedono forti limitazioni o addirittura l’eliminazione completa di alcune categorie di alimenti come per esempio i carboidrati.

Quando si aspetta un bambino, è fondamentale seguire un’alimentazione il più sana e varia possibile, soprattutto durante i primi mesi, i più critici e importanti per lo sviluppo del peso.

Premesso ciò, non è certo necessario seguire una dieta per dimagrire: basta dimezzare le normali porzioni, eliminare del tutto fritti e dolci (che non apportano alcun valore nutritivo, né solo indispensabili per l’organismo, ma pesano solo sulla bilancia), dire no all’alcol (ma questa è una regola che deve valere anche per le donne incinte che non hanno peso da perdere) e limitare cibi troppo grassi come per esempio gli insaccati.
Affidandosi ai consigli di Sono in gravidanza, come posso perdere peso? 2un nutrizionista o dietologo di fiducia, con poche semplici mosse sarà possibile perdere alcuni chili a inizio gravidanza senza per questo stressarsi seguendo diete drastiche inutili e potenzialmente nocive per il fisico.

Un altro importante consiglio finalizzato alla perdita di chili a inizio gravidanza riguarda l’attività fisica: quando si ha appena scoperto di aspettare un bambino, è il momento giusto per fare sport e portarsi avanti rispetto a quel periodo in cui la pancia sarà troppo ingombrante per permettere di muoversi con scioltezza, figurarsi per fare sport!

Nei limiti del consentito, e soprattutto consultando sempre prima il proprio medico e il ginecologo, è consigliabile dunque fare movimento all’inizio della gravidanza.

Le attività consigliate sono la ginnastica dolce, le camminate a ritmo sostenuto e non da ultimo il ballo, che rilascia endorfine e che aiuta a combattere gli sbalzi d’umore e la sonnolenza tipica del primo trimestre (oltre a consentire di perdere peso senza nemmeno accorgersene, in maniera divertente e spensierata).
Sono in gravidanza, come posso perdere peso? 3A inizio gravidanza non va sottovalutata neanche la camminata veloce, decisamente preferibile alla corsa, controindicata in caso di gravidanze a rischio e anche alla lunga debilitante per le articolazioni, soprattutto caviglia e ginocchia, che di lì a qualche mese verranno messe a dura prova dal lievitare della pancia e del suo peso, che graverà moltissimo – oltre che sulla schiena – sugli arti inferiori.

Camminare a passo spedito, meglio ancora se in mezzo alla natura, in campagna o nei parchi cittadini, rappresenta invece un vero e proprio toccasana e non presenta le stesse controindicazioni della corsa.

Senza contare che recenti ricerche hanno dimostrato come questa attività sia addirittura migliore della corsa ai fini della perdita di peso.

Un’altra decisione importante che porterà la bilancia a flettere verso il basso, riguarda il proprio fabbisogno calorico.

Comprendere di quante calorie ha effettivamente bisogno il corpo di una donna incinta per stare bene è fondamentale anche ai fini del dimagrimento.

Sono in gravidanza, come posso perdere peso? 4Si consiglia dunque di consultare un nutrizionista che, tenuto conto della gravidanza appena cominciata e del tipo di attività professionale svolta, nonché dello stile di vita adottato, stabilirà con esattezza un fabbisogno calorico che non andrà mai superato, pena l’acquisto di nuovi chili a quelli che già si desidererebbe perdere.

Onde evitare di sentire troppo la fame e di cedere dunque a togliersi quegli sfizi così frequenti durante l’attesa, è consigliabile inoltre mangiare poco e spesso, ottenendo così un duplice risultato: da una parte si attenuerà la fame, evitando di arrivare affamate ai pasti principali, dall’altra di darà una sferzata al metabolismo, che, complice il movimento, resterà attivo e pronto a bruciare calorie extra.

Oltre a evitare le calorie vuote (per esempio gli zuccheri, che non nutrono né danno energia), è consigliabile puntare su cibi che favoriscono la gravidanza e che sono anche ottimi ai fini del dimagrimento poiché poveri di calorie ma ricchi di vitamine e sali minerali, ma soprattutto di acido folico, indispensabile in gravidanza.

Stiamo parlando di alimenti quali fragole, arance, spinaci, broccoli, fagioli, lenticchie e cereali integrali, ottimi anche per favorire il transito intestinale.